Archivio per novembre 2010

Preposizioni


Complemento di stato in luogo (in, at, on, by, next to, under, below)

Nella sintassi della frase semplice, il complemento di stato in luogo indica il luogo in cui si trova una persona o cosa oppure avviene un’azione.

Il complemento risponde alle domande:

  • dove?
  • in quale luogo?

English Usage Example
  • in
  • room, building, street, town, country
  • book, paper etc.
  • car, taxi
  • picture, world
  • in the kitchen, in London
  • in the book
  • in the car, in a taxi
  • in the picture, in the world
  • at
  • meaning next to, by an object
  • for table
  • for events
  • place where you are to do something typical (watch a film, study, work)
  • at the door, at the station
  • at the table
  • at a concert, at the party
  • at the cinema, at school, at work
  • on
  • attached
  • for a place with a river
  • being on a surface
  • for a certain side (left, right)
  • for a floor in a house
  • for public transport
  • for television, radio
  • the picture on the wall
  • London lies on the Thames.
  • on the table
  • on the left
  • on the first floor
  • on the bus, on a plane
  • on TV, on the radio
  • by, next to, beside
  • left or right of somebody or something
  • Jane is standing by / next to / beside the car.
  • under
  • on the ground, lower than (or covered by) something else
  • the bag is under the table
  • below
  • lower than something else but above ground
  • the fish are below the surface
  • over
  • covered by something else
  • meaning more than
  • getting to the other side (also across)
  • overcoming an obstacle
  • put a jacket over your shirt
  • over 16 years of age
  • walk over the bridge
  • climb over the wall
  • above
  • higher than something else, but not directly over it
  • a path above the lake

Ha trascorso una serata da Stefano – He spent an evening at Stefano’s home – He spent an evening with Stefano

L’incidente è avvenuto sulla via della marghe. – The accident happened on the marghe street

Egli ha i capelli sulla testa. – He has hair on his head

Si sono conosciuti a piazza Danna – They met each other at Danna square.

Ti aspetto in macchinaI wait for you in the car

Il dottore era in ospedaleThe doctor was in the hospital

Egli vive a Parigi – He lives in Paris

Sono a casa – They are at home

Giorgio è per la strada – Giorgio is on the road

Complemento di moto per luogo (across, through)

Nella sintassii della frase semplice, il complemento di moto per luogo indica il luogo attraverso il quale qualcuno o qualcosa si muove.

Il complemento risponde alle domande:

  • per dove?
  • attraverso quale luogo?
English Usage Example
  • across
  • getting to the other side (also over)
  • getting to the other side
  • walk across the bridge
  • swim across the lake
  • through
  • something with limits on top, bottom and the sides
  • drive through the tunnel

Sono passato per i giardini – I went through  the gardens (Ho attraversato i giardini)

Il comandante passò attraverso la Gallia per raggiungere l’accampamento – The master passed through Gaul to reach the camp.

Egli attraversava il ponte – He walked across the bridgr

Complemento di moto a luogo (to, into, onto, towards)

Nella sintassi della frase semplice, il complemento di moto a luogo indica il luogo verso il quale qualcuno o qualcosa si dirige.

Il complemento risponde alle domande:

  • dove?
  • verso dove?
  • verso quale luogo?
English Usage Example
  • to
  • movement to person or building
  • movement to a place or country
  • for bed
  • go to the cinema
  • go to London / Ireland
  • go to bed
  • into
  • enter a room / a building
  • go into the kitchen / the house
  • towards
  • movement in the direction of something (but not directly to it)
  • go 5 steps towards the house
  • onto
  • movement to the top of something
  • jump onto the table

Luca va a scuola – Luca goes to school

Complemento di moto circostritto  (in)

Comminavamo in giardino – We walked in the garden

Anna e Maria stanno andando al mare – Anna and Maria are going to the beach

Complemento di moto da luogo (from)

Nella sintassi della frase semplice, il complemento di moto da luogo indica il luogo dal quale qualcuno o qualcosa si muove.

Il complemento risponde alle domande:

  • da dove?
  • da quale luogo?
English Usage Example
  • from
  • in the sense of where from
  • a flower from the garden

Questo odore è venuto da te – This smell came from you

Lei sta tornando da scuola – She is coming from school

La nave è salpata da Venezia – The ship set sail from Venice

Complemento d’agente (by)

Nella sintassi della frase semplice, il complemento d’agente è il soggetto logico nelle frasi passive, ossia quello che compie l’azione nella realtà, distinto dal soggetto grammaticale, che è quello concordato con il verbo.

Il complemento d’agente indica un essere vivente. Quando l’azione in una frase passiva viene compiuta da un essere inanimato è un complemento di causa efficiente.

Nelle frasi attive soggetto logico e soggetto grammaticale coincidono; in quelle passive il soggetto logico è il complemento di agente, distinto dal soggetto grammaticale, concordato con il verbo in forma passiva.

Risponde alla domanda “da chi?“.

Lo zaino è stato aperto da Sarah – The backpack was opened by Sarah.

La bistecca è stata mangiata da un cane – The steak was eaten by a dog

Il libro è stato scritto da mio figlio – The book was written by my son

Complemento di mezzo o strumento (by, with)

Nella sintassi della frase semplice, il complemento di mezzo o strumento’ indica una persona, un animale o una cosa mediante cui si compie l’azione espressa dal predicato. Nello specifico, con complemento di mezzo ci si riferisce a un essere vivente; con complemento di strumento a un oggetto inanimato. Tuttavia questa distinzione non sempre è presente nelle grammatiche.

Il complemento risponde alle domande:

  • per mezzo di chi/che cosa?
  • con chi/che cosa

Io scrivo con la penna – I write with a pen

Venni con il tram – I came by tram

Morì con il pane – He died with the bread

Complemento oggetto

Nella sintassi della frase semplice, il complemento oggetto, detto anche espansione diretta, segnala un essere vivente o un oggetto su cui transita direttamente e senza preposizioni l’azione espressa dal predicato. Quindi, il complemento oggetto, indica la persona, l’animale o la cosa su cui cade direttamente l’azione compiuta dal soggetto ed espressa da un verbo transitivo attivo. Si tratta di un complemento diretto, poiché si lega al verbo senza essere preceduto da una preposizione.

Il complemento risponde alle domande:

  • Chi? Che cosa?

Cesare sconfisse Antonio – Cesar defeated Antonio

Complemento di termine (at, to)

Nella sintassi della frase semplice, il complemento di termine si trova spesso come argomento del predicato. Il complemento di termine è l’elemento a cui si rivolge o su cui termina l’azione espressa dal predicato.

Il complemento risponde alle domande:

  • a chi? (rivolto ad un essere animato)
  • a che cosa? (rivolto ad una cosa)

Cappuccetto Rosso portava un cestino alla nonna – Little Red Riding Hood carried a basket to her grandmother

Il cacciatore sparò al lupo – The hunter shot the wolf

La professoressa ha detto a Luigi di non parlare – The professor said not to talk to Louis

Complemento di destinazione o direzione (for)

Mio figlio partì per l’America – My son left for America

Fra

English Usage Example
  • bnetween
  • riferito a due cose, persone o gruppi
  • Era fra mia madre e me – He was between my mother and me
  • among
  • riferito a più cose, persone o gruppi.
  • Siete fra amici – You are among friends
  • in
  • in espressioni di tempo
  • Sarò là tra due ore – I will be there in two hours

Fino a

English Usage Example
  • as far as
  • in espressioni di distanza
  • Andò fino alla stazione – He wens as far as the station
  • as long as
  • in espressioni di tempo (indicandone la durata)
  • Ti amerò finché vivrò – I will love you as long as I live
  • till
  • in espressioni di tempo (indicandone il momento preciso)
  • Ti ho aspettato fino alle cinque – I waited till five

Preposizioni di tempo

English Usage Example
  • on
  • days of the week
  • on Monday
  • in
  • months / seasons
  • time of day
  • year
  • after a certain period of time (when?)
  • in August / in winter
  • in the morning
  • in 2006
  • in an hour
  • at
  • for night
  • for weekend
  • a certain point of time (when?)
  • at night
  • at the weekend
  • at half past nine
  • since
  • from a certain point of time (past till now)
  • since 1980
  • for
  • over a certain period of time (past till now)
  • for 2 years
  • ago
  • a certain time in the past
  • 2 years ago
  • before
  • earlier than a certain point of time
  • before 2004
  • to
  • telling the time
  • ten to six (5:50)
  • past
  • telling the time
  • ten past six (6:10)
  • to / till / until
  • marking the beginning and end of a period of time
  • from Monday to/till Friday
  • till / until
  • in the sense of how long something is going to last
  • He is on holiday until Friday.
  • by
  • in the sense of at the latest
  • up to a certain time
  • I will be back by 6 o’clock.
  • By 11 o’clock, I had read five pages.

Altre importanti preposizioni

English Usage Example
  • from
  • who gave it
  • a present from Jane
  • of
  • who/what does it belong to
  • what does it show
  • a page of the book
  • the picture of a palace
  • by
  • who made it
  • a book by Mark Twain
  • on
  • walking or riding on horseback
  • entering a public transport vehicle
  • on foot, on horseback
  • get on the bus
  • in
  • entering a car  / Taxi
  • get in the car
  • off
  • leaving a public transport vehicle
  • get off the train
  • out of
  • leaving a car  / Taxi
  • get out of the taxi
  • by
  • rise or fall of something
  • travelling (other than walking or horseriding)
  • prices have risen by 10 percent
  • by car, by bus
  • at
  • for age
  • she learned Russian at 45
  • about
  • for topics, meaning what about
  • we were talking about you

Preposizioni articolate = preposizione semplice + articolo

Preposizioni che reggono il gerundio

after = dopo (di)

before = prima (di)

beside = oltre a

intead of = invece (di)

without = senza (di)

Feci colazione prima di andare – I had breakfast before going to school

Uscì fuori senza dire una parola – He went out without saying a word

Esercizi

http://www.ego4u.com/en/cram-up/grammar/prepositions

Annunci

Lascia un commento

Countable / Uncountable Nouns


Un nome è una parola che si riferisce ad una persona una cosa o idea astratta, e dice cos’è o chi è.

Countable Nouns

I nomi contabili sono “cose” che possono essere contate, per esempio “pen”, è possibile contare le penne. Possiamo avere una, due o più penne. Di seguito un elenco di nomi contabili

  • dog, cat, animal, man, person
  • bottle, box, litre
  • coin, note, dollar
  • cup, plate, fork
  • table, chair, suitcase, bag

I nomi contabili possono essere singolari o plurali

  • My dog is playing.
  • My dogs are hungry.

E possiamo utilizzare l’articolo indeterminativo a/an:

  • A dog is an animal.

Quando un nome contabile è singolare, si può usare una parola come a/the/my/this:

  • I want an orange. (not I want orange.)
  • Where is my bottle? (not Where is bottle?)

Quanto un nome contabile è plurale, possiamo usarlo da solo:

  • I like oranges.
  • Bottles can break.

Possiamo usare some e any con i nomi contabili:

  • I’ve got some dollars.
  • Have you got any pens?

Possiamo usare a few e many con i nomi contabili:

  • I’ve got a few dollars.
  • I haven’t got many pens.
“People” è contabile. “People” è il plurale di  “person”. Possiamo contare “person”: 

  • There is one person here.
  • There are three people here.

Uncountable Nouns

I nomi non contabili sono nomi di sostanze, materie, concetti, colori, nomi verbali, nomi astratti ecc sono “cose” che non possono essere divise e quindi non possono essere contate, per esempio, non è possibile contare “milk”, è possibile contare “bottles of milk” o “litres of milk”.

Di seguito una lista di nomi non contabili:

  • music, art, love, happiness
  • advice, information, news
  • furniture, luggage
  • rice, sugar, butter, water
  • electricity, gas, power
  • money, currency

I nomi contabili hanno solo la forma singolare, quindi non prevedono il plurale con la -s/-es alla fine. Per esempio:

  • This news is very important.
  • Your luggage looks heavy.

Non si usa l’articolo indeterminativo a/an con i nomi non contabili né è possibile porre un numero dinanzi al nome, non si può dire “one music” o “an information” o “a music”. Ricordiamo inoltre che molti nomi non contabili non prevedono nemmeno l’articolo determinativo the (rif. Articolo determinativo/indeterminativo )

Ma possiamo dire qualcosa del genere:

  • a piece of news
  • a bottle of water
  • a grain of rice

Possiamo usare some e any con i nomi non contabili:

  • I’ve got some money.
  • Have you got any rice?

Possiamo usare a littlemuch con i nomi non contabili:

  • I’ve got a little money.
  • I haven’t got much rice.

Nomi che possono essere contabili e non contabili

Alcuni nomi possono essere contabili e non contabili, per esempio:

Countable Uncountable
There are two hairs in my coffee! hair I don’t have much hair.
There are two lights in our bedroom. light Close the curtain. There’s too much light!
Shhhhh! I thought I heard a noise. noise It’s difficult to work when there is too much noise.
Have you got a paper to read? (= newspaper) paper I want to draw a picture. Have you got some paper?
Our house has seven rooms. room Is there room for me to sit here?
We had a great time at the party. time Have you got time for a coffee?
Macbeth is one of Shakespeare’s greatest works. work I have no money. I need work!

Lascia un commento

Articolo determinativo/indeterminativo


LUn articolo è una  parola che si riferisce ad un sostantivo e si distingue in due tipi: articolo determinativo e articolo indeterminativo a seconda se si riferisce a un elemento specifico di un insieme “Prendi il bicchiere che è sul tavolo” o a un generico elemento di un insieme “Prendi un bicchiere”. In italiano l’articolo determinativo può essere singolare o plurale e maschile o femminile il/lo/la/i/gli/le mentre l’articolo indeterminativo può essere singolare maschile o singolare femminile  uno/un/una in inglese invece, esistono solo tre articoli: a, anthe, senza distinzione tra maschile e femminile per singolare e plurale.

Per avere un’idea della distinzione tra articolo determinativo e indeterminativo, pensiamo ad un celo stellato, possiamo dire:

  • I saw the moon last night
  • I saw a star last night

La storia seguente può essere d’aiuto per capire la differenza tra a, an e the

A man and a woman were walking in Oxford Street. The woman saw a dress that she liked in a shop. She asked the man if he could buy the dress for her. He said: “Do you think theshop will accept a cheque? I don’t have a credit card.”

A man and a woman were walking in Oxford Street. The woman saw a dress that she liked in a shop. She asked the man if he could buy the dress for her. He said: “Do you think theshop will accept a cheque? I don’t have a credit card.”


Articolo indeterminativo

A e an sono “indefinite articles” e si riferiscono a qualcosa di non specificatamente conosciuto alla persona con la quale si sta comunicando, ex:

  • “My daughter really wants a dog for Christmas.”  This refers to any dog. We don’t know which dog because we haven’t found the dog yet.””Mia figlia vuole davvero un cane per Natale”. Si riferisce a un qualsiasi cane, non sappiamo precisamente a quale cane perché non lo abbiamo ancora trovato.
  • “Somebody call a policeman!” This refers to any policeman. We don’t need a specific policeman; we need any policeman who is available.”Qualcuno chiami un poliziotto!” Si riferisce ad un qualsiasi poliziotto. Non abbiamo bisogno di uno specifico poliziotto; abbiamo bisogno di un qualsiasi poliziotto che sia disponibile.
  • “When I was at the zoo, I saw an elephant!” Here, we’re talking about a single, non-specific thing, in this case an elephant. There are probably several elephants at the zoo, but there’s only one we’re talking about here. “Quanto stavo allo zoo, vidi un elefante” Qui stiamo parlando di una cosa singolare, non specificata, in questo caso un elefante. Ci sono probabilmente altri elefanti allo zoo, ma ma non siamo interessati ad uno solo di questi.

Regole dell’articolo indeterminativo

  • a + un sostantivo singolare che inizia per una consonante (inclusa y e w) o h aspirata o da volcale che dia suono “iu” o “ia”a dog, a cat, a theory, a European, a one-leggend-man, a one-dollar bill .
  • an + sostantivo singolare che inizia con una vocale: an elephant, an egg, an apple, an idiot.
  • a + un sostantivo singolare che inizia con una lettera che ha il suono di una consonante, la così detta “y-sound”: a university (suona come you-niversity),  a unicycle (suona come you-nicycle).
  • Nelle parole in cui la h non è pronunciata, aspirata o muta si utilizza an: an heir, an our, an honest.
  • Ciononostante in alcuni casi anche se la h è pronunciata si utilizza an: ex an historical, an hospital.

Le stesse regole sono applicate con gli acronimi:

Introductory Composition at Purdue (ICaP) handles first-year writing at the University. Therefore, an ICaP memo generally discusses issues concerning English 106 instructors.

Quando l’acronimo inizia per consonante ma la consonante si pronuncia come vocale, si utilizza an al posto di a:

An MSDS (material safety data sheet) was used to record the data. An SPCC plan (Spill Prevention Control and Countermeasures plan) will help us prepare for the worst.

Quando il sostantivo è preceduto da un aggettivo le regole sono applicate all’aggettivo anziché al sostantivo:

  • a broken egg
  • an unusual problem
  • a European country (suona come ‘yer-o-pi-an,’ i.e. inizia con la consonante ‘y’ sound)

Anche in inglese l’articolo indeterminativo è usato per indicare un membro di un insieme:

  • I am a teacher. (I am a member of a large group known as teachers.)
  • Brian is an Irishman. (Brian is a member of the people known as Irish.)
  • Seiko is a practicing Buddhist. (Seiko is a member of the group of people known as Buddhists.)

L’articolo determinativo è più usato che in italiano, particolarmente:

  1. davanti ai nomi indicati professione, nazionalità, religione: He is a teacher, I am a catholic
  2. per tradurre al, allo con il significato di ogni: Three lessons a week
  3. davanti ai nomi singolari indicanti un esemplare di una determinata specie o categoria: I write with a pen, I take a taxi to go to school.

Articolo determinativo

L’articolo determinativo o “definite article” è usato prima di un sostantivo singolare o plurale quando il nome è specifico o particolare:

  • “The dog that bit me ran away.” Here, we’re talking about a specific dog, the dog that bit me. “Il cane che mi morse corse via”. Qui stiamo parlando di uno specifico cane, il cane che mi morse.
  • “I was happy to see the policeman who saved my cat!” Here, we’re talking about a particular policeman. Even if we don’t know the policeman’s name, it’s still a particular policeman because it is the one who saved the cat. “Fui felice di vedere il poliziotto che salvò il mio cane!”. Qui stiamo parlando di un particolare poliziotto. Anche se non conosciamo il nome del poliziotto, egli è un particolare poliziotto perché è quello che salvo il gatto.
  • “I saw the elephant at the zoo.” Here, we’re talking about a specific noun. Probably there is only one elephant at the zoo. “I saw the elephant at the zoo. “Vidi l’elefante allo zoo”. Qui stiamo parlando di uno specifico sostantivo. Probabilmente c’è solo un elefante allo zoo.

Mentre a e an possono essere usati solo con sostantivi conteggiabili  “I need a bottle of water.” “I need a new glass of milk.” l’articolo indeterminativo the può essere usato con sostantivi non conteggiabili, o  può  essere omesso quando non si riferisce ad uno specifico elemento:

  • “I love to sail over the water” (some specific body of water) or “I love to sail over water” (any water). Amo navigare sull’acqua.
  • He spilled the milk all over the floor” (some specific milk, perhaps the milk you bought earlier that day) or “He spilled milk all over floor” (any milk). Ha versato il latte sul pavimento.
  • Information is important to any organisation.
  • Coffee is bad for you.

Si usa the quando:

  1. Quando ci si riferisce a qualcosa che è già stato menzionato: An elephant and a mouse fell in love. The mouse loved the elephant’s long trunk, and the elephant loved the mouse’s tiny nose.
  2. Quando chi parla e chi ascolta conosce l’argomento o la persona della quale si sta parlando anche se non precedentemente menzionati: ‘Where’s the bathroom?‘ ‘It’s on the first floor.’
  3. In frasi o clausole dove definiamo o identifichiamo oggetti o persone: The man who wrote this book is famous.
    ‘Which car did you scratch?’ ‘The red one.
    My house is the one with a blue door.’
  4. Per riferirsi ad oggetti che si considerano univoci: the sunthe moonthe world, the country (contrario di città), the town, the sky, the stars, the air,  the earth, the sea, the universe, the east, the north, the south, the west, the heart, the mind, the soul, the fingers, the four seasons, the senses, the theatre.
  5. Prima di superlativi o numeri ordinali: the highest building, the first page, the lastchapter.
  6. Con aggettivi per riferirsi ad interi gruppi di persone: the Japanese, the old, the Millers.
  7. Con decadi o gruppi di anni: she grew up in the seventies.

Non si usa the:

  1. Dinanzi a nomi di materia, sostanca, colori: red, blue.
  2. Dinanzi a nomi verbali che in italiano sono infinito, participio e gerundio: “People are worried about rising crime”, “Le persone sono spaventate da il crescere della criminalità”.
  3. Dinanzi a nomi astratti: music non the music.
  4. Dinanzi a nomi di giorni della settimana, stagioni e feste religiose: “Springs comes  March 21″, “La primavera viene il 21 marzo” “We often see our cousin over Easter” “Vediamo spesso nostro cugino a Pasqua”
  5. Dinanzi a nomi di sport e giochi: “My son plays football”
  6. Dinanzi a nomi proprio di persona e cognomi, anche se preceduti da titolo o aggettivo. “My sister often stays at Uncle Tim’s in Detroit”, “Mia sorella spesso sta a Ditroit dallo zio Tim“.
  7. Dinanzi a aggettivi e pronomi possessivi: “My book” “Il mio libro”
  8. Quando si parla di cose generiche: “Inflation is rising”, “L’inflazione sta crescendo”, “People are worried about rising crime”, “Le persone sono spaventate dal crescere della criminalità”.

Uso geografico del the

Ci sono specifiche regole per l’uso del the dinanzi a sostantivi geografici.

Non si usa prima di:

  • nomi della maggior parte di paesi o territori: Italy, Mexico, Bolivia; comunque, the Netherlands,the Dominican Republic, the Philippines, the United States, in questo caso infatti gli stati uniti sono un insieme di stati, mentre le Filippine un insieme di isole, lo stesso vale per kindom, republic e union. The UK, the USA, the Irish Republic, the Netherlands, the Philippines, the British Isles
  • nomi di città o stati: Seoul, Manitoba, Miami
  • nomi di strade: Washington Blvd., Main St.
  • nomi di laghi o baie: Lake Titicaca, Lake Erie except with a group of lakes likethe Great Lakes
  • nomi di montagne: Mount Everest, Mount Fuji eccetto quando si parla di gruppi di montagne the Andesthe Rockies o nomi inusuali come the Matterhorn
  • nomi di continenti:  Asia, Europe
  • nomi di isole: Easter Island, Maui, Key West eccetto con catene di isole come the Aleutians, the Hebrides, o the Canary Islands.

Si usa prima:

  • nomi di fiumi, oceani e mari: the Nile, the Pacific
  • punti del globo: the Equator, the North Pole
  • aree geografiche: the Middle East, the West
  • deserti, foreste, golfi e penisole: the Sahara, the Persian Gulf, the Black Forest, the Iberian Peninsula

Lascia un commento